come comunicare in modo efficace

Cosa fare per poter comunicare in maniera efficace?

Ora ti sembrerà strano ma è quasi prevedibile approcciarsi con il mondo dei social media e il poter comunicare in maniera efficace attraverso quelli che sono i nostri canali sia che siano di proprietà come il sito/blog quanto quelli  in affitto come i canali social. 

Ti basti pensare che in realtà non esiste molta differenza tra quella che è la comunicazione che viene fatta sui i propri canali e quella della vita reale. L’unica differenza reale è che la comunicazione social come anche quella che puoi fare attraverso il tuo blog è filtrata da uno schermo. 

Le dinamiche interne e che sono alla base della relazione sono esattamente le stesse soprattutto per quello che riguarda i famigerati social.

Quanto è importante questo elemento? 

Questa semplice consapevolezza determina a dire il vero il successo che puoi avere su queste piattaforme e sarà l’elemento di maggiore impatto che determinerà l’efficacia della tua comunicazione. Infatti così come ci sono diversi livelli di profondità nell’approccio con le persone nella vita reale allo stesso modo accade nel mondo online. 

La crescita e la forza di queste relazioni virtuali sono direttamente proporzionali al quanto ti prendi “cura” di chi ti segue e del come lasci entrare le persone nella tua vita. Questo non vuol dire che noi dobbiamo raccontare tutto proprio tutto della nostra vita. 

Nemmeno i grandi influencer lo fanno come la famosa e arcinota Chiara Ferragni. La Ferragni non mostra a tutti e tutti i giorni un eventuale dissapore con Fedez ad esempio.

La chiave consiste nella capacità di saper filtrare la vita reale e allo stesso tempo essere autentiche condividendo esperienze sempre reali e parlando con quella che è la nostra tribù in modo periodico e costante.

Come puoi fare la differenza per fare una comunicazione efficace?

Occorre partire da un presupposto essenziale ossia che è necessario amare la propria tribù. Come dice una arcinota business woman, che ammiro, devi poter amare e trovare piacevole passare un intero weekend in compagnia di quella che è la tua audience o tua tribù. Altrimenti o smetti di fare comunicazione o cambi tribù. 

Come vedi è proprio come nella vita reale. Posso io Anna Paola coltivare un’amicizia con chi non mi va a genio? Devo pertanto applicare nell’online le stesse regole della comunicazione quotidiana.

Ora quello che dobbiamo andare a fare è dare tanto valore e contenuto “educando” quella che è la nostra tribù in modo da fare arrivare tante di quelle persone nella parte alta del famoso funnel a imbuto. Se lavori bene sul funnel porti  passo dopo passo a convertire quelli che sono semplici curiosi in fan e poi in potenziali clienti e infine in clienti effettivi che hanno compiuto un’azione precisa verso di te e che ti hanno scelto. 

Scarica qui l’infografica del funnel.

Conosci l’AIDA?

Ora puoi avviare questo processo che chiamiamo di fidelizzazione seguendo il semplice modello dell’AIDA che è un acronimo che sta ad indicare che dapprima dobbiamo destare attenzione, poi interesse a seguire desiderio ed infine spingere all’azione.

Ora abbiamo detto di fornire valore attraverso la comunicazione volta ad educare.

Il segreto per riuscirci è molto semplice. Quello che devi fare è nient’altro che insegnare solo ciò in cui hai avuto successo o le cose che ti sono riuscite meglio o che ti sono venute più facili. Lascia il resto agli altri.

Ma cosa cercano le persone sui nostri canali e in particolare sui canali social? 

Ovviamente le cose cambiano da persona a persona ma in linea di massima chi ci segue cerca riconoscimento attraverso i mi piace, le condivisioni ai commenti, cerca ispirazione come anche informazione

Sulla base di questi tre desideri vediamo quali sono i 3 tipi di contenuto che i tuoi followers ameranno trovare sui tuoi canali. Una volta imparato potrai divertirti ad alternare queste tre categorie tutte le volte che vuoi.

  1. Il primo tipo di contenuto è quello di storie che soddisfino il bisogno di ispirazione. Puoi anche condividere le storie di qualcun altro ma ciò che la gente ama è la connessione con le persone vere e non solo con le celebrità. Persone autentiche con problemi comuni a chi le segue. Le persone reali hanno una marcia in più e le loro non devono essere storie di supereroi. La semplicità vince. Qualsiasi cosa che accade tutti i giorni può diventare una storia. Anche e soprattutto le sfide quotidiane. Le persone cercano autenticità e connessione ed è ok condividere anche le proprie vulnerabilità. Certo non dobbiamo pubblicare cose molto intime ma chiedere forza e supporto al gruppo va benissimo. I tuoi contenuti devono “interrompere” la tua audience in modo costruttivo ed utile. Il tuo contenuto le deve fare fermare e leggere. I post devono riuscire a bloccare il pollice e a fare aprire le bocche in un “WOW”: questo lo condivido. Questo non vuol dire essere perfette. Parti da dove sei con gli strumenti che hai.
  2. Il secondo tipo di contenuto che funziona bene è quello basato su un’azione. Ad esempio il fare domande o chiedere opinioni. Questa categoria risponde al desiderio di riconoscimento della tua audience. Ognuno ama condividere ciò che preferisce, ciò che ama, ciò che non ama. Proprio come nella realtà. Ogni volta che fai una domanda ricevo spunti dai tuoi potenziali clienti. Puoi chiedere che libri amano leggere o a cosa sono grati oggi ad esempio.
  3. La terza categoria è quella delle liste di punti sul come semplificare il fare un  qualcosa. Corrisponde questa alla categoria dell’informazione. Quindi puoi produrre post e articoli che spiegano il come fare qualcosa. Questi sono i contenuti più cercati sul  web e funzionano alla grande anche sui canali social. Ancor di più su questi canali che sono così pieni di distrazioni.

Ora un contenuto per poter essere considerato di valore deve essere utile alla tua audience. Cioè deve fornire informazioni pratiche e facili da applicare. Nel fare questo devi essere costante. Lo scrollo deve essere tale che per avere effetto devi pubblicare almeno una volta al giorno sui canali social e anche una volta a settimana o ogni quindici giorni sul tuo blog. 

Non dimenticando ovviamente di essere autentica

Devi mostrare chi sei davvero e non solo quello che sai e devi colpire dritto al cuore di chi ti segue.

In conclusione oggi abbiamo visto assieme:

  • l’elemento che fa la differenza per avere una comunicazione efficace
  • il funnel e come alimentarlo utilizzando il modello AIDA
  • i 3 tipi di contenuto virali per i nostri canali

Se vuoi portare il tuo business al successo scopri il mio ebook su “Un Business di Successo” andando semplicemente qui!

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali o lascia un commento e leggi i precedenti. Ogni mio articolo esce solitamente il venerdì.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.