pianificare-le-entrate

Ti chiederai del perché sia proprio utile pianificare le proprie entrate.

La risposta è molto semplice. Farlo ti permette di lavorare meglio al raggiungimento di quella che è la tua visione e dei tuoi obiettivi a medio e lungo termine.

Se hai un business certamente avrai degli obiettivi importanti come la tua crescita o un lancio oppure un rilancio o anche un rebranding.

Tutto ha un costo in termini di entrate, uscite come anche di tempo impiegato

Se ti abitui a pianificare, organizzare le tue entrate ed uscite in un business plan ad esempio riuscirai a mettere nella tua pianificazione degli obiettivi anche economici che fanno la differenza.

Se invece lasci le cose al caso o alla divina provvidenza finisci solo con il raggiungere, se questo accade, degli obiettivi più piccoli che non sono d’impatto per il tuo business. Senza dire che lavori in uno stato di emergenza.

Perciò è necessario ed utile un cambio di prospettiva. Non pianificare anche le tue entrate ti porta a lasciare i tuoi sogni sulla carta in quanto non li traduci in obiettivi tangibili, misurabili. Senza dire che il resto della tua pianificazione va a rotoli.

Per pianificare le tue entrate comincia a capire dove sei

Se hai come punto d’arrivo un obiettivo economico per capire come arrivarci devi calcolare anche la distanza che intercorre tra te e la tua meta.

Per fare questo è basilare per te capire dove sei. E’ opportuno fare un’analisi del momento in cui sei e una valutazione del dove vuoi portare il tuo business da qui a fine anno o nell’anno successivo. Ossia è importante per te capire se ti trovi in un anno di crescita o di consolidamento oppure di cambiamento.

Per tutte gli anni di crescita sono gli anni in cui ci si vuole fare conoscere dal proprio mercato di riferimento o nicchia o come piace a me dire dalla propria tribù. Si vuole guadagnare di più. Sono anni questi molto ambiziosi e anche se vogliamo più faticosi.

Gli anni di consolidamento sono il naturale evolversi degli anni di crescita. Solitamente questi si succedono dopo due anni da una grande crescita. In questo caso il tuo business è solido e il tuo obiettivo sarà quello di renderlo più strutturato.

Gli anni di cambiamento vengono dopo un consolidamento. E’ naturale voler cambiare un pò le cose come per esempio pensare ad un rebranding.

Ti sembrerà contro intuitivo ma non è bene sempre avere degli anni di crescita. Occorrerebbe seguire il naturale andamento delle cose come la ciclicità della natura. Ossia fare seguire alla crescita il consolidamento e poi il cambiamento.

Per questo è importante per te capire il dove sei per andare dove vuoi.

Anche i soldi vanno messi sulla carta

Se sulla carta hai pianificato i tuoi lanci senza lavorare sui tuoi obiettivi economici manca una parte fondamentale, che è quella che distingue un business da un hobby: i soldi.

Quello che andiamo a fare assieme oggi è vedere quanto è necessario portare a casa in un tuo anno business. Ovviamente la cifra che calcolerai non dovrà rimanere sulla carta. Comporta bensì il fare una serie di cose che rientrano nella tua strategia di comunicazione e marketing. Questo vuol dire fare proprio il potere della responsabilità dei propri guadagni che non dipendono solo dal mercato e dalle clienti, anzi. Dipende dal come tu ti muovi verso i tuoi obiettivi.

Come si calcolano le proprie entrate?

Per cominciare devi prendere in esame e calcolare il tuo storico, le tue spese mensili personali e le tue spese di business.

Sulla base di questi calcoli dovrai prevedere un tuo stipendio mensile netto che va oltre la soglia di sopravvivenza data dalle tue spese personali. A questo stipendio aggiungi le tue tasse e i contributi a seconda del regime fiscale in cui ti trovi. Avrai ottenuto uno stipendio mensile lordo. Come per ogni lavoratore dipendente anche per te moltiplicherai lo stipendio per 14 mensilità perché noi tutte abbiamo diritto ad una tredicesima e quattordicesima. In questo modo avrai ottenuto la tua retribuzione annuale lorda. A questa aggiungi le spese annue di attività e poi calcoli il margine di utile a secondo dell’anno in cui ti troverai. Questa cifra diviso 12 è quello che dovrai mensilmente portare a casa in media.

Come varia questa cifra? Se consideri un anno di crescita il margine sarà del 30/40%, se è di consolidamento del 15/20%, se è invece di cambiamento sarà necessario rimanere vicine allo storico dell’anno precedente.

Ora se per te questa cifra è fattibile dovrai fare i conti della massaia. Ossia il come arrivarci considerando tutte le offerte che hai in carrello e i tuoi lanci. Strutturando un bel piano marketing.

Se sei molto distante da quella cifra per prima cosa vedi se puoi fare più marketing per vendere di più oppure aggiungi altre offerte oppure aumenti i tuoi prezzi.

Ora hai una cifra che ti aiuta a monitorare le cose di volta in volta e capire quando è necessario cambiare le cose come il fare più marketing.

Se vuoi fare crescere il tuo business in maniera organica in soli 5 giorni partecipa al mio corso gratuito “To Done” andando semplicemente qui! 

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali e leggi i precedenti. Ogni mio articolo solitamente esce il venerdì.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.