conoscere-il-cliente-ideale

Perché è importante conoscere il proprio cliente ideale?

All’inizio della mia attività ero molto confusa sul chi fosse la mia cliente ideale. Non è che pensassi di poter lavorare proprio con tutte ma non avevo le idee molto chiare.

Nella mia mente albergavano due o tre figure di professioniste e non ne volevo escludere alcuna in quanto mi dispiaceva non poter lavorare con loro. Mi sembrava che se fossi stata diretta e incisiva nella mia comunicazione il mio lavoro sarebbe stato precluso e come naturale conseguenza le mie entrate.

Per caso è successo anche a te?

Il problema del non conoscere il cliente ideale è mancanza di chiarezza.

Si, è proprio così, il problema che avevo io era molta confusione e l’incapacità di fare passi decisivi che mi portassero a risultati tangibili. Proprio come quando ci si trova di fronte ad un cielo offuscato da nubi.

Agli inizi dello scorso anno, precisamente in gennaio, continuare a crogiolarmi in questa mancanza di chiarezza mi ha portato ad una profonda crisi.

Sebbene le premesse del mio lavoro fossero buone mancava la famosa conversione da iscritti alla mia lista in clienti paganti almeno per quelle che erano le aspettative date dai miei numeri.

La confusione non porta a risultati concreti. Occorre chiarezza e precisione.

Cosa ho fatto? Proprio quello che cerco di fare con le mie clienti. Ossia passare dalla teoria alla pratica. Ho applicato a me stessa tutto il processo di lavoro che ci porta dall’individuazione della nostra nicchia all’avatar di quello che è il nostro cliente ideale.

Occorre per prima cosa definire la propria nicchia e poi il cliente ideale che ne è il leader.

Come ho fatto a definire la mia nicchia? Sono andata ad individuare tutte quelle donne che almeno due o tre anni prima avevano un problema al quale io stessa sono riuscita a dare una soluzione e che oggi in concreto io posso aiutare.

Alla luce di questo ho ridefinito i miei servizi e la mia comunicazione.

Praticamente ognuna di noi dovrebbe avere camminato almeno una volta nella vita nelle scarpe della propria nicchia. E ti assicuro che questo è meno difficile di quello che pensi.

Poi ho preso la rappresentante di questa nicchia e ne ho fatto un ritratto perfetto. Tra le diverse domande che mi sono fatta e alle quali ho cercato di rispondere ne è emersa una: quale è la cosa che la tiene sveglia alle tre del mattino?

Lavorare sulla mia nicchia e conoscere la mia cliente ideale mi ha permesso di:

  • Poter veicolare un messaggio chiaro in cui molte donne si sono riconosciute (e guarda un pò non solo la mia cliente ideale)
  • Costruire servizi e consulenze che le calzavano a pennello
  • Fare un marketing efficace
  • Scrivere un copy che rispondesse alle aspettative della mia cliente

Le cose importanti da fare subito sono poche:

  • Se sei confusa fermati. Rischi di peggiorare la situazione
  • Individua la tua nicchia. Ossia quelle persone che hanno già avuto il tuo problema e a cui tu puoi dare una soluzione
  • Fai un avatar dettagliato del tuo cliente ideale

Se non ami fare marketing e invece vorresti farlo padroneggiando ogni aspetto senza sentirti una venditrice di pentole e divertendoti pure  in modo da promuovere efficacemente il tuo brand scopri il mio ebook “Marketing per brave signore” andando semplicemente qui.

P.S. se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali e leggi i precedenti. I miei articoli di solito escono il venerdì.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.