punto- della-situazione

Perché è opportuno fare un  punto della situazione del nostro business di tanto in tanto?

Già da metà giugno ossia alle soglia della metà dell’anno mi prendo del tempo utile per fare un check del mio business. Questo in poche parole è il tempo più utile per la revisione dei risultati e degli obiettivi raggiunti in modo da dare maggiore slancio al nostro lavoro e trovare la giusta motivazione per fare meglio e di più e arrivare così bene alla fine dell’anno.

 

Per poter migliorare e alzare così l’asticella di quello che è il  nostro business è necessario fare un punto della situazione e monitorare gli indicatori chiave ossia i famosi Kpi o indicatori di performance – i visitatori del tuo sito, gli iscritti alla newsletter, il tasso di conversione delle landing page, le entrate, etc. – i quali ci indicano se stiamo migliorando o meno.

 

Come puoi cambiare un qualcosa nella tua strategia se non sai cosa ha funzionato e cosa meno?

Pertanto fare un  punto della situazione o check  è necessario. Altrimenti è un po’ come partecipare a un gioco d’azzardo e sperare che la tua prossima mossa sia vincente.

Una volta che avrai monitorato i tuoi Kpi la cosa più utile che puoi fare è cambiare prospettiva.

Solitamente dopo aver fatto una prima analisi siamo portate a focalizzarci su ciò che non ha funzionato ovvero sugli obiettivi e risultati non raggiunti, sulle cose non fatte, sui progetti rimasti a metà.

Questo non fa altro che creare frustrazione a noi stesse e ci porta a deprimerci.

 

La cosa più utile che tu possa fare è invece spostare la tua attenzione su ciò che ha funzionato meglio.

Quali sono gli obiettivi che hai già raggiunto?

Cosa ha tenuto alta la tua motivazione e per cui vai fiera?

Quali risultati hai raggiunto anche piccoli che hanno fatto la differenza? Quali sono stati i tuoi successi?

Passa poi ad un’altra fase della tua analisi

Una volta che hai fatto la tua analisi e la più opportuna valutazione cerca di applicare il principio di Pareto dell’80/20.

Ossia quale è stato il 20% delle azioni che hanno prodotto l’80% dei tuoi risultati più importanti?

Vale a dire cosa hai fatto nello specifico per ottenere quei risultati?

Chiediti poi quali sono stati gli ostacoli che hai dovuto superare?

Quali buone pratiche e abitudini potenzianti hai messo in atto?

Cosa hai smesso di fare e cosa hai fatto di nuovo?

Questo processo ti permette di prendere consapevolezza delle strategie più utili e poterle implementare e migliorare da subito.

Solo dopo porta la tua attenzione alle cose che non sono andate bene.

Senza giudicarti guarda a ciò che non hai raggiunto e fermati a capire quali ne sono le cause.

Mancanza di motivazione?

Cattiva gestione del tempo?

Non avere implementato la sequenza di azioni giuste?

Grazie a questa semplice verifica puoi capire i perché e rimetterti così in carreggiata.

Partendo da questa prospettiva in cui facciamo una prima valutazione guardano per prima cosa agli aspetti positivi si è portate a guardare il bicchiere mezzo pieno e a vedere le cose con ottimismo. Questo dà un grande slancio e ci aiuta a ripartire alla grande verso la fine dell’anno.

 

Passa poi a fare una buona pianificazione dei tuoi obiettivi e di quelle che sono le attività attività da portare avanti e guarda ora con ottimismo al tuo lavoro da qui a sei mesi.

Gli obiettivi che avevi già messo nella pianificazione del tuo secondo semestre hanno ancora senso o vanno rivisti?

Fare il punto della situazione è un lavoro utile anche perché prepara all’autunno che è un periodo di forte ripresa dopo il rallentamento di alcune attività nel periodo estivo. Alcuni lo chiamano il nuovo anno.

Scarica ora la check list regalo che ti aiuta a monitorare e fare crescere ogni mese il tuo business e ricevere così delle utili risorse per il tuo biz andando semplicemente qui!

 

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto leggi i precedenti e condividilo sui tuoi canali. Ogni mio articolo esce solitamente il venerdì.

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.