Finalmente hai elaborato la tua idea di business che si basa sulle tue passioni, sulle tue competenze, sui tuoi valori e sulla tua visione delle cose ed hai elaborato anche una proposta di valore rivolta ad un tuo mercato di riferimento e tuttavia è giunto il momento di elaborare un piano strutturato che ti permetta di poter avere un business sostenibile nel tempo e che ti faccia distinguere da quelle che sono le tue competitor dirette.

Puoi fare questo lavorando efficacemente su dei punti fondamentali che sono dei pilastri, proprio come quelli su cui si costruisce una casa: Il tuo Personal Branding, Il tuo Modello di Business, il tuo Business Plan, la tua Pianificazione e il tuo Marketing.

Vediamoli ad uno ad uno:

  • Personal Branding: direi che il Personal Branding è il lavoro delle fondamenta di quella che è la tua casa. Per usare l’espressione di una nota Business Coach, che stimo molto, Gioia Gottini, che è una forza della community di Facebook, Personal Branding è l’unione tra la tua personalità e il problema che risolvi. Questo sottende che esistono in realtà tre elementi ossia tu con la tua personalità e il tuo approccio unico, il problema che vai a risolvere o bisogno che vai a soddisfare e la tua cliente o tuo cliente ideale. Facendo un profondo lavoro su questi elementi avremo un Personal Branding efficace. Per usare una metafora il Personal Branding è quella sensazione che lasci una volta che esci da una stanza sia essa virtuale che fisica.
  • Modello di Business: il Modello di Business racconta il cosa proponi ossia se prodotti o servizi e il come li distribuisci. Se proponi ad esempio servizi li puoi proporre online o offline. Se li proponi online puoi proporre infoprodotti, corsi o percorsi o consulenze. Si vede poi a chi li distribuisci ossia se a privati o ad aziende e poi attraverso quali canali li proponi. Infine si vede come è strutturato il tuo business ossia se hai un team o meno, se usi dei tools o programmi. Il Modello di business racconta il chi sei e il dove vuoi andare da qui a tre anni, cinque anni o più strutturando la tua visione.
  • Business Plan: racconta cosa vuoi o devi o puoi portare a casa come obiettivi economici dalla tua attività di business. Per esempio attualmente con il regime forfettario si possono portare a casa fino a sessanta mila euro e si pensa che nei prossimi anni questa soglia sarà più alta facendoci sognare di più. Anche il Business Plan parte dal chi sei per lavorare sul tuo cliente ideale, sui tuoi prodotti, per poi programmare e pianificare le tue azioni di marketing e infine preventivare entrate e gestire i costi. Il Business Plan non deve rimanere sulla carta e lasciato in un cassetto ma va monitorato mese per mese, settimana per settimana.
  • Pianificazione: puoi dire di essere la persona più creativa e spirituale del mondo e che non riesce a pianificare nemmeno la sua cena di sera ma senza pianificazione non si possono portare a casa gli obiettivi economici prefissati né risultati di gestione di noi stesse nel tempo né tanto meno riusciamo a raggiungere quella libertà economica desiderata. Occorre saper pianificare in largo anticipo. Per lavorare sul Planning del proprio anno sia che questo inizi con l’anno fiscale a gennaio sia che inizi a settembre occorre iniziare a farlo almeno 5 mesi prima. Questo perché non possiamo partire con un lancio a gennaio iniziando a pianificare a dicembre. Nel Planning metterai in primo luogo te stessa, i tuoi lanci, le tue cose nuove, il tuo Big Event, il tuo piano marketing, il tuo piano editoriale.
  • Marketing: questa parola fa venire l’orticaria a molte donne. Qui io parlo non di un marketing aggressivo ma di un marketing ispirato e su misura anche per persona introversa, come ben racconto in questo mio articolo. Perché puoi fare anche il tuo lavoro con la passione più profonda o avere le competenze più alte per il tuo lavoro ma se non comunichi al mondo quello che sai ben fare questo non è condizione necessaria e sufficiente affinché tu abbia successo. Puoi uscire dalla visione di marketing come venditrice di pentole facendo tua una visione di marketing come condivisione di risorse utili. Questo lo si può fare mettendosi all’ascolto, lavorando sui tuoi punti di forza e facendo rientrare nel tuo asset i tuoi punti deboli abbracciandoli. Da vocabolario marketing è tutte quelle azioni rivolte a creare quel rapporto di fiducia che porta un tuo potenziale cliente a fare un primo acquisto da te per poi diventare un cliente fan e fidelizzato.

Oggi sul piatto abbiamo messo un bel pò di roba e come si fa a fare tutte queste cose? Lo si fa facendo una cosa la volta e facendo l’elefante a pezzetti. Se concentriamo la nostra attenzione su una cosa per volta questa cresce per fare in modo che poi il sistema vada da se.

Scarica qui la mia guida regalo che ti permette di fare crescere da subito il tuo business lavorando anche su questi punti essenziali!

P.S.: Se questo articolo ti è piaciuto condividilo con un’amica e leggi quelli già presenti sullo stesso tema. I miei articoli di solito escono il venerdì!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.