Apre Michela Scucchi di “ Come Quando Biz “ lo spazio di questo mese dedicato alle “ Donne di Valore “ che rendono grande un piccolo biz. Michela è una consulente di business.

La conosco da un’ anno e mi ha colpito per la sua grande professionalità, unita ad una dote di grande umiltà sebbene consapevole delle sue competenze e compendiata da una grande ironia.

Michela aiuta artigiani e piccoli imprenditori dalla creazione di un business model alla formulazione di una strategia ,dedicandosi, usando le sue parole, a coloro che lottano “ ogni giorno contro i giganti del mercato, senza copiarne i mezzi ma enfatizzando la dimensione umana dei piccoli biz “. Viene da un’esperienza in azienda nel campo delle vendite e del retail. Ha un bel Master in Marketing e colleziona corsi e certificazioni.

A lei la parola.

  • Michela raccontaci cosa ti ha spinto a lavorare ” in proprio ” dopo 14 anni di lavoro in azienda?

Durante gli anni in azienda ho cambiato tante volte ruoli, sedi, colleghi, progetti. Il divenire è parte di me e non amo sentirmi arrivata, per questo la scelta del salto è arrivata nel momento in cui ho capito che lì dove ero non avevo più nuovi obiettivi da raggiungere. Ma, a dir la verità, non c’è stato nessun salto. Sono una persona molto cauta, lo sono con i clienti e lo sono anche per me stessa, mi piace studiare, formarmi senza sosta, testare idee prima nella mente, misurare la fattibilità, procedere per tentativi: è stato così anche con il lavoro, un passaggio molto graduale senza alcun cambio improvviso dall’oggi al domani.

  • Oggi chi aiuti e come lo aiuti?

I miei clienti sono in egual misura professionisti freelance e piccole aziende artigiane, con alcuni casi di realtà più grosse. In apparenza sembrano completamente diversi: non lo sono. Si tratta di persone con una grossa passione dentro e la necessità di veder realizzato un sogno, quello di farcela. C’è chi si trova a gestire una vecchia azienda di famiglia in cui ha ereditato più oneri che onori, chi segue un suo talento personale, chi cerca di riscattarsi dopo delle batoste, e chi vuole diffondere dei propri valori per migliorare il mondo. Tutte persone con forti abilità tecniche, bravissime nel loro ambito, ma con delle lacune in ambito manageriale: nessuno può fare tutto da solo e purtroppo spesso non si considera che quando ci si mette in proprio si diventa imprenditori, non solo professionisti. Il mio aiuto parte dalle singole consulenze orarie per risolvere problemi specifici (i più frequenti riguardano la comunicazione online e lo studio del target o dei prezzi) fino a percorsi continuativi in cui divento parte integrante di quell’azienda: come una socia con cui confrontarsi in riunione ogni settimana.

  • Ti definisci una “multipotenziale” dai tanti interessi e passi con molta facilità nel tuo lavoro dall’analisi dei social, al marketing, al business plan. Quali di questi aspetti del tuo lavoro preferisci di più e quale ritieni prioritario?

Quello che preferisco è vedere la trasformazione nel mio cliente: dal momento in cui arriva da me confuso a quello in cui vedo che riesce a impostare in autonomia il suo lavoro con successo. Da questo punto di vista tutti gli aspetti possono essere per me soddisfacenti allo stesso modo. Se invece devo valutare l’aspetto prioritario, è quello che so generare i migliori risultati nel lungo periodo: lavorare alla stesura del business model e approfondire tutti i principali aspetti del business plan e della strategia. Purtroppo sono aspetti troppo spesso trascurati, chi è agli inizi pensa di approfondirli in seguito, chi è ormai affermato pensa che non ce ne sia bisogno. Invece, lo studio del mercato nel suo complesso, del posizionamento e della parte economica (inclusa la strategia di prezzo) fanno davvero la differenza.

  • Quale consiglio utile dai a chi inizia e quale dai invece a chi voglia passare al livello successivo?

Per chi inizia consiglio di pianificare il proprio lavoro pensando al futuro: “dove vorrai essere tra 5 anni?”. Non è un discorso astratto, serve per prendere la direzione giusta. Un business che vuole arrivare a presidiare i 5 continenti non può partire nello stesso modo in cui parte una piccola cartoleria di quartiere, così come un freelance e un’agenzia non devono strutturarsi nello stesso modo. La rete ci ha mostrato casi eclatanti di chi ha conquistato il mondo partendo da un computer in un garage, ma non sono casi da prendere come esempio: se mai arriverà un nuovo Jeff Bezos, non sarà nello stesso modo in cui è arrivato il primo. Per chi vuole passare al livello successivo consiglio invece di coltivare il coraggio. Una delle mie massime preferite dice “l’opportunità balla con chi è già in pista”, e nell’imprenditoria serve non fermarsi mai e avere il coraggio di credere per primi nei propri progetti. E infine, un consiglio per entrambi: chiedete aiuto. Avere le giuste figure professionali al proprio fianco farà risparmiare risorse (soldi, tempo, energie) e raggiungere risultati migliori. Sai quando vedevi che il risultato di un’espressione algebrica continuava ad essere sbagliato ma non riuscivi a trovare l’errore? Bastava un’occhiata del docente per notare quel banalissimo errore di calcolo che il tuo occhio stanco non riusciva a trovare. Lavorare in proprio non significa dover fare tutto da soli, gli aiuti sono fondamentali per il successo.

  • Quale risorsa utile vuoi regalare alle lettrici che permetta loro di fare la differenza?

A tutti coloro che si iscrivono alla newsletter regalo una guida gratuita: si tratta di un ebook con i consigli su come gestire i social per promuoversi, ciò che è consigliabile fare e ciò che invece è meglio limitare. Utilizzare i social in un’ottica di business richiede delle decisioni strategiche a monte, prima degli aspetti più operativi. Questo ebook vuole proprio far riflettere su chi vogliamo essere per chi ci segue.

Il link per scaricarlo è qui:
https://mailchi.mp/ed317bf38060/biz-letter

https://mailchi.mp/ed317bf38060/biz-letter

Grazie a te Michela per i tuoi preziosissimi consigli e per averci parlato del tuo lavoro! Ne faremo come sempre buon uso e per chi ti voglia seguire su Instagram ti troviamo su @comequandobiz

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.