Prendersi cura del proprio cliente è un vero e proprio lavoro e se lo rendi piacevole ne gioverà sia il tuo cliente sia il tuo business.

Per cura intendo la natura della relazione col tuo cliente e questa relazione vive di tre fasi:

  • La fase iniziale di conoscenza quando il cliente è potenziale.
  • La fase in cui si lavora col cliente ossia quando si cerca di soddisfare le sue aspettative.
  • La fase del post vendita e della fidelizzazione per poter creare un rapporto duraturo con lui.

Ogni fase richiede cura ed impegno.

Per cominciare c’è una forte relazione tra la soddisfazione del tuo cliente e il tuo stato d’animo.

Se sei serena, rilassata e sicura delle tue cose il tuo cliente anche quello potenziale lo percepisce e quindi sente meno problemi ed è più propenso all’acquisto.

Molto spesso ci fasciamo la testa pensando alle nostre competitor arrabbiandoci magari invece sarebbe più utile e proficuo dedicarsi alla cura del proprio cliente. Questo perché oggi giorno il cliente è preso più che dal prodotto in sé quanto dall’esperienza che ha avuto con noi già dal primo contatto che può essere un freebie per poi passare all’acquisto e al dopo.

Il cliente vuole essere coinvolto. Desidera capire e scegliere. Prova delle emozioni che gli faranno capire se l’esperienza che ha avuto con noi è positiva o negativa e da questo dipende la sua scelta.

Se ci pensi questo succede anche a te quando vai a fare un semplice acquisto come un vestito o accessorio.

Questa emozione fa la differenza nella scelta d’acquisto non il cosa o il prezzo ma il come lo fai sentire.

Ne consegue da tutto ciò che la responsabilità della relazione è soprattutto nostra.

Siamo noi a prenderci cura di lui , a capire cosa vuole per poterlo offrire come anche dire no quando quel cliente non è proprio giusto per noi.

Non dobbiamo dimenticare che ogni cliente è differente ed ha una sua “ Storia ” perciò prendiamocene cura mettendoci personalità, empatia ed entusiasmo.

Facciamolo sentire unico:

  • Chiamandolo per nome.
  • Rispondendo ad una sua mail in modo personale magari richiamando dei dettagli della sua persona.
  • Usando quando si parla con lui le sue stesse parole.

Gli strumenti a tua disposizione saranno perciò:

  • Pazienza: un servizio attento ti permette di avere un’interazione con lui che fa si di comprendere i suoi problemi e le sue esigenze e capire cosa effettivamente vuole.
  • Ascolto: la capacità di non parlarsi addosso e di stare attenta al suo linguaggio e al suo feedback. Poniti anche spesso la domanda: ” Cosa dice senza dire? “. Questo perché talvolta il cliente non dice esplicitamente le cose.
  • Calma: da mantenere anche col il cliente più insolente. Questo consolida il tuo Brand.

Se lavori su questi livelli renderai il tuo cliente “ felice “. Questo fa si che:

  • Parli bene del tuo prodotto o servizio attivando un passaparola virtuoso.
  • E’ disposto a pagare il tuo giusto prezzo rispetto ad una tua concorrente.
  • E’ più propenso a continuare ad acquistare da te.
  • Se qualcosa va storto nel processo d’acquisto ti perdona più facilmente.

Tutto questo fa si che tu abbia una clientela stabile ed in crescita.

Ti lascio qui in regalo la mia Guida Gratuita dove troverai tante piccole azioni a te utili per poter rendere felice il tuo ” cliente “.

P.S.: Se hai trovato questo articolo interessante condividilo con un’amica o un’amico, continua a leggermi ogni venerdì e leggi i precedenti!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.