perche-lavorare-sul-planning

Senza fare una pianificazione su misura ossia lavorare sul proprio planning e senza fare una programmazione di base non si possono realmente portare a casa in concreto i risultati degli obiettivi economici che ci siamo prefissati. Né tanto meno avere una gestione del tempo tale da raggiungere quella libertà desiderata soprattutto direi economica.

Perché è utile lavorare sul planning e sui propri obiettivi economici? 

La risposta è molto semplice. Farlo ti permette di lavorare su quella che è la tua visione e sui tuoi obiettivi a medio e lungo termine.

Se hai un business potresti avere senza dubbio degli obiettivi importanti come può essere una tua crescita, un eventuale rebranding, un nuovo lancio o un rilancio di un tuo prodotto o servizio di una certa  importanza.

In questo caso lavorare sul planning e pianificare eventi di questo tipo richiede un impegno di forze e di tempo che un arco temporale molto ristretto come ad esempio tre o anche sei mesi non consente a te di realizzare qualcosa di veramente efficace e importante.

Se invece cominci ad organizzarti e a pensare in ordine di tempo più lunghi per lavorare su quello che è il tuo planning riuscirai a mettere all’interno del tuo piano obiettivi più importanti e anche di natura economica che fanno la differenza. 

Soprattutto quando si organizzano eventi live di una certa importanza, che richiedono un tempo minimo di organizzazione di sei mesi ( per esempio la co-organizzazione del 50,partenza,via! ha richiesto otto mesi di lavoro pieno giorno dopo giorno ).

Il tempo per pianificare 

Il tutto va ovviamente pianificato molto tempo prima. Lavorare su un buon planning a lungo raggio e in anticipo è molto ma molto utile.

Se invece lavoriamo su una pianificazione di tre o sei mesi si finisce con il portare a casa obiettivi più piccoli e che non riescono a fare la differenza e si rischia di lavorare in emergenza

Perciò è necessario un cambio di prospettiva se sei abituata a fare così. Altrimenti i tuoi sogni e desideri rischiano veramente di rimanere sulla carta perché non riuscirai a tradurli in obiettivi tangibili, misurabili e non riuscirai a pianificare il tutto al meglio.

Quanto è lungo un planning?

La lunghezza ideale di un planning è di dodici mesi e si può fare iniziare con l’anno fiscale in modo da misurare le entrate relative al periodo o per alcune attività a seconda del mercato e del prodotto da settembre come ad esempio può essere il settore moda.

Quando si inizia a pianificare?

Il mio consiglio in realtà è quello per chi vuole cominciare a fare  partire la pianificazione del suo anno da gennaio è di cominciare a lavorarci già quattro/ cinque mesi prima cioè in agosto massimo settembre, primi di ottobre, periodo in cui siamo più libere e meno oberate da lavoro. 

Io ad esempio in agosto mi ritiro almeno tre giorni nella mia casetta in Salento dove sono completamente disconnessa per lavorarci su. In questo modo siamo allo stesso tempo molto ma molto creative facendo brainstorming e pratiche ossia ben armate di fogli e calcolatrice.

In realtà nel lavorare sul planning si utilizzano i due emisferi del nostro cervello: il destro e il sinistro, la parte creativa e la parte logica. 

Per chi fa iniziare invece l’anno da settembre vanno bene i mesi febbraio/marzo.

Perché pianificare in agosto o settembre? Perché se vuoi programmare un tuo lancio in gennaio o febbraio hai il tempo giusto per lavorarci su. Ossia non puoi pensare di lanciare a gennaio se al tuo planning cominci a lavorarci da dicembre. Perciò occorre muoversi in largo anticipo. Infatti i mio servizio “ La tua Zen to Done “ dove lavoriamo assieme a quattro mani sulla tua pianificazione ha due lanci: fine agosto/inizio settembre e febbraio.

Creatività e pianificazione

Ora noi possiamo dire che siamo delle creative, degli spiriti liberi o degli esseri spirituali e che la programmazione non rientra nella nostra visione delle cose ma se non pianifichiamo dandoci un metodo non possiamo fare molti passi in avanti nella nostra crescita

Pensa alla Apple! Senza una propria pianificazione e programmazione la Apple avrebbe mai raggiunto i suoi risultati oggi? La risposta ovvia è no! 

Perciò se vogliamo diventare grandi impariamo dai grandi.

Il planning è elastico? 

Una seconda obiezione che mi viene fatta è questa: se io pianifico tutto in anticipo e poi nel tempo le cose cambiano e arriva invece l’occasione della mia vita cosa faccio? 

La risposta che dò è questa: un vero planning è assolutamente elastico e flessibile. 

Per lavorare sul tuo plannning e programmare il tuo anno il tutto va fatto in largo anticipo si, ma è strutturato in modo tale da accogliere benissimo l’occasione della tua vita. Se questa arriva ovviamente, e nel caso che così invece non fosse, hai pianificato invece un bel po’ di cose interessanti che ti porteranno verso quelli che sono i tuoi obiettivi economici e a realizzare la visione del tuo business.

In conclusione abbiamo visto insieme che un planning:

  • Ti permette di portare a casa obiettivi a medio e lungo termine importanti anche economici
  • Va pianificato almeno 4 o 5 mesi prima dell’inizio del proprio anno
  • Che è lungo in media 12 mesi
  • Implica creatività e logica
  • Che è assolutamente elastico

Per lavorare sin da subito alla tua pianificazione puoi cominciare partecipando al corso gratuito “To Done” andando semplicemente qui!

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali e leggi i precedenti. Ogni mio articolo solitamente esce ogni due venerdì.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.